Progettare un bagno e ricavarne due

Il bagno non è uno spazio secondario

Nella “geografia” della casa il bagno ha un’importanza fondamentale.

In questo caso nello spazio destinato ad uno solo trovano posto due bagni completi.

Render del bagno in camera (sotto)

I proprietari avevano l’esigenza di un bagno in più visto l’imminente “allargamento” della famiglia (a proposito, benvenuto Tommaso!).

I vincoli, sempre presenti nella progettazione, sono dovuti allo spazio minimo ed all’impianto idraulico ( colonna degli scarichi lontana).

La situazione Ante Operam (sotto)

Le richieste della proprietà:

  • creazione di un secondo bagno in camera
  • assenza dei soliti gradini per permettere lo scarico dei sanitari
  • spazi contenitivi

La progettazione ha tenuto conto delle richieste attraverso un disegno lineare degli spazi  studiati al centimetro.

Il progetto (sotto)

Nei due bagni al posto dei classici mobili vengono creati dei generosi piani di appoggio e degli armadi a muro ( due contenitori e una scarpiera).

Il progetto delle luci ha tenuto conto dell’assenza della finestra nel secondo bagno; è stata creata una gola luminosa  con luce Led calda nella zona doccia per creare una luce indiretta, la parete a specchio è illuminata con due microGradi di Cini&Nils.

nel bagno in camera ha trovato posto la luce Riga  con finitura bianca di FontanaArte.

 

Ciao e alla prossima.

Progetto per uno spazio espositivo

Uno stand differente

l’incarico concerne l’ideazione e la progettazione esecutiva di uno spazio espositivo.

La richiesta della committenza: uno spazio di ricevimento, un’area multimediale comunicativa, uno spazio appartato per la clientela e uno storage celato.

Ideato in collaborazione con Exhedra, lo stand è costituito da 4 elementi separati di cui tre dedicati alla comunicazione del prodotto, il tutto in uno spazio obbligato di 6 x 3 x 4 (h) mt.

Il prospetto (sotto)

Video esplicativo in 3d ( sotto)

L’intero stand è progettato per essere un insieme di spazi di comunicazione separati ma uniti nel disegno di insieme.

Visuale prospettica (sotto)

Il progetto illuminotecnico predilige la luce indiretta per risaltare le superfici curve.

A pavimento è previsto un “camminamento luminoso” composto da elementi modulari calpestabili trasparenti sottoilluminati.

Visuale prospettica (sotto)

La struttura, eseguita artigianalmente in legno, ha comportato la progettazione di ogni singolo elemento.

Dettaglio delle parti e del montaggio con abaco degli elementi (sotto).

Assonometria generale (sotto)

Ciao e alla prossima.

Ristrutturazione di un appartamento di 130 mq

Progettare con  i vincoli

Questo intervento riguarda un appartamento dei primi del novecento.

Render del soggiorno con elemento filtro/distribuzione centrale ( Sotto)

Dopo molti anni, anche  elementi  quali le tramezzature possono diventare collaboranti con il sistema strutturale dell’edificio. Questo come molti altri aspetti hanno determinato i vincoli di questo progetto.

L’impianto di base è rappresentato da una pianta con stanze  di dimensioni simili tra di loro;  non esiste una vera separazione oppure una gerarchia tra la zona notte e la zona giorno; la cucina si trova lontano dall’ingresso e dalla zona pranzo.

L’intento dei proprietari era di trasformare lo  schema distributivo per  razionalizzare e  valorizzare le caratteristiche dell’appartamento.

Ante Operam( sotto)

L’intervento non ha riguardato modifiche di parti strutturali, come aperture nei setti.

Gli aspetti rilevanti del progetto:

  • Creazione di una nuova zona giorno con separazione della zona pranzo.
  • Nuova cucina passante al centro della casa ( con tre zone separate per la preparazione, la conservazione e per mangiare).
  • Lo spazio distributivo ( il vecchio corridoio) viene traslato, si genera così lo spazio per due bagni di cui uno di dimensione importante con vasca incassata separata.

 il setto centrale nella zona giorno separa ma non isola la zona pranzo; all’interno del “totem”  contenitore viene celata una  parete esistente che così mantiene la sua funzione di sostegno.

Ciao e alla prossima

Ristrutturazione di un appartamento di 50 mq

Piccoli spazi crescono

I piccoli spazi spesso costituiscono una sfida per trasformare l’esistente in un’abitazione confortevole nella quale non si percepisca la mancanza dello spazio vitale.

La ristrutturazione di questo piccolo appartamento nasce dall’esigenza dei proprietari di aumentare il numero delle camere, senza rinunciare ad una cucina separata, agli spazi contenitivi ( anche per contenere una canoa!) ed alla vasca in bagno.

Il vincolo principale è sicuramente la dimensione (48mq);  lo studio approfondito dello spazio e del suo uso prende forma nella assoluta semplicità delle soluzioni.

 la gestione della luce è importante, il rapporto tra luce naturale ed artificiale genera un effetto di continuità.

Render del soggiorno con gola luminosa (sotto)

La situazione ANTE OPERAM ( sotto)

Gli elementi salienti del progetto:

  • La  nuova camera singola
  • lo spazio di distribuzione cela un soppalco contenitore
  • la piccola cucina separata dal soggiorno illuminato da una gola luminosa
  • il nuovo bagno con antibagno  ha la vasca e viene illuminato da una visiva a tutta lunghezza posta sopra i pensili della cucina ( non visibile dalla stessa)
  • la camera matrimoniale ora ha una doppia cabina armadio.

 

IL PROGETTO (sotto)

La modellazione tridimensionale è una tecnica di supporto alla progettazione, è fondamentale per generare tutti gli elementi del disegno progettuale ed è di notevole aiuto nella comunicazione del progetto.

Modello tridimensionale (sotto)

Ciao e a presto